© 2015-2017 - Kurt Wanner

Dal campione ciclista Fausto Coppi al

pittore Giuseppe Pelizza

Non si può solo mangiare, bere e dormire. Di quando in quando si ha anche bisogno di un po’ di movimento. Sui colli Tortonesi la bicicletta ha una grande tradizione, perché qui è nato nel 1919 Fausto Coppi, uno tra i più famosi corridori ciclistici di tutti i tempi.  «Il campionissimo» vinceva più volte il Giro d’Italia e il Giro di Francia. A Castellania, paese natale di Coppi, un mausoleo e un museo ricordano questo grande sportivo.

 

Le strade sui Colli Tortonesi forse non sono sempre in buono stato, ma sono sempre poco trafficate. Una cosa però non si deve dimenticare: In questa zona collinare le strade e i sentieri vanno sempre su e giù, non solo per i ciclisti ma anche per i camminatori. I sentieri sono poco segnalati, e se piove per lungo tempo, diventano impraticabili. A piedi c’è tantissimo da scoprire e da conoscere.

Da poco tempo esiste anche un buon materiale cartografico: «Le Vie del Sale», edito in scala 1:25'000 dallo Studio Cartografico Italiano a Genova, presso il quale il foglio F8 «Il Tortonese e le Valli Scrivia, Curone e Ossona» per noi è di speciale interesse.

 

A Montemarzino troviamo una piscina molto bella e aperta da giugno a settembre. Da qualche tempo c’è anche un campo da golf a Momperone, uno tra i più grandi d’Europa.

 

Ma anche gli appassionati di cultura trovano il proprio tornaconto. Volpedo è stato inserito nel club de "I Borghi più Belli d'Italia" ed è famoso per avere dato i natali al pittore Giuseppe Pellizza (1868-1907), uno dei più famosi rappresentanti del realismo italiano. Il suo quadro monumentale, «Il Quarto Stato», è considerato come monumento dal movimento operaio. A Volpedo si possono seguire le tracce di Pellizza, sia nel suo studio che nel museo didattico, con un’eccellente multivisione. Da vedere è anche la Pinacoteca dedicata al Divisionismo presso la piazza del duomo a Tortona. Molto belli sono i vecchi borghi di Garbagna e San Sebastiano Curone. Anche l’abbazia di Rivalta Scrivia e l’eremo di Sant’Alberto di Butrio, situato in un’ottima posizione, valgono una visita.

Montemarzino è anche un punto di partenza ideale per escursioni giornaliere in tre delle più belle città d' Italia: Milano, Torino e Genova sono raggiungibili in meno di un'ora in auto o in treno

- e anche il Mar Ligure non è lontano.